ROMA HOUSE - Idraulica
ROMA HOUSE
Sâmbătă, 2016-12-10, 04:57
Menu sito

In sintesi le caratteristiche principali:

  • Costruzione compatta per spazi ridotti e montaggio verticale o a parete oppure in armadi a muro.
  • Si evita la formazione di muffa a causa dell'umidità elevata viene evitata.
  • Il 94% ca. del calore dell'aria espulsa viene trasmesso all'aria immessa.
  • Il fabbisogno di ventilazione viene ridotto al minimo e si riducono i costi per il riscaldamento.
  • L'aria esterna viene filtrata da un filtro per polline (classe F6) migliorando la qualità abitativa.
  • Il consumo di energia elettrica viene ridotto al minimo grazie all'utilizzo di ventilatori a corrente continua.

Il progetto dell'edificio come strategia di riduzione dei consumi

Una corretta progettazione degli impianti, orientata al risparmio di tutte le risorse energetiche coinvolte nel "funzionamento" degli edifici ed alla massima integrazione con la struttura architettonica, è un requisito fondamentale dell'architettura sostenibile, che deve essere corredato da uno sfruttamento delle energie rinnovabili e da una attenzione verso le implicazioni elettromagnetiche che essi possono comportare. 

Nel corso degli ultimi anni gli edifici si sono sempre più "tecnologizzati" per garantire agli utenti livelli di comfort sempre più elevati; ciò ha comportato il fatto che ormai il 25% dei costi edilizi sia a carico della voce "impianti", diventati costosi anche perché si sta abbandonando il concetto che ogni manufatto edilizio dovrebbe adattarsi alle condizioni del luogo in cui è costruito.
Questa situazione sta facendo lievitare sempre più i consumi legati alla gestione del patrimonio edilizio, come è stato dimostrato dalle ultime vicende legate all'uso diffuso degli impianti di condizionamento ed alla scarsità delle risorse idriche.
Nell'ambito di questa emergenza purtroppo non si è mai parlato della necessità di costruire meglio, di prevedere impianti meno energivori e di utilizzare gli edifici in maniera più consapevole, ma piuttosto di aumentare la produzione di energia per evitare le emergenze black out.
Dal punto di vista dell'architettura sostenibile per far fronte a questa situazione è necessario progettare gli edifici in modo da ridurne i consumi, sia con accorgimenti "naturali" come quelli bioclimatici che attraverso la predisposizione di impianti che richiedono minori consumi o l'impiego di energie rinnovabili per il loro funzionamento.

Per ogni tipologia di impianto vi sono differenti possibilità di risparmiare caratterizzate da diversi livelli tecnologici, che a loro volta richiedono diversi tipi d'investimento. Si va dai semplici dispositivi che costano poche centinaia di euro ad impianti più complessi, quali quelli fotovoltaici, che richiedono forti investimenti difficili da ammortizzare se non si ricorre a sovvenzioni governative.
Generalmente i maggiori costi di installazione vengono poi recuperati da risparmi nella gestione, ed è evidente che una volta finito il periodo di ammortamento gli impianti consentano dei veri e propri "guadagni".
Questi nuovi sistemi tecnologici devono essere il più possibile integrati alle strutture edilizie, il che contribuisce sia ad un risparmio nei costi di costruzione che alla definizione di una nuova estetica per l'architettura bioecologica, diversa da quella correntemente associata allo "chalet di montagna" 
Edificio residenziale in Vorarlberg, in cui è presente un elevato livello di integrazione tra edificio ed impianti (una parte della parete esterna è formata da pannelli solari termici), che gli conferiscono un'estetica particolare).

L'impianto idraulico

Strumento di consumo dell'acqua

Uso abituale stimato

Consumo stimato

Persone in famiglia

Totale

WC

4,0 scarichi al giorno

9 litri a scarico

3

108 litri

Vasche da bagno

0,14 bagni per persona al giorno

127 litri per bagno

3

54 litri

Doccia

4 minuti per persona

11 litri al minuto

3

132 litri

Lavatrice

0,3 carichi per persona al giorno

100 litri a carico

3

90 litri

Lavastoviglie

0,17 carichi per persona al giorno

39 litri a carico

3

20 litri

Lavandini

pulizia mani e viso per persona
pulizia denti per persona

18 litri
7 litri

3

54 litri
21 litri

Uso alimentare

per persona al giorno

15 litri

3

45 litri

Automobile

per persona al giorno

8 litri

3

24 litri

Irrigazione

per un giardino di 100 mq

50 litri

-

50 litri

Consumo totale giornaliero

182 litri

3

598 litri

Consumo alimentabile con acqua piovana

124 litri

3

272 litri


















Anche l'impianto idraulico è da realizzarsi in maniera da evitare disturbi elettromagnetici, disponendo le tubazioni "a stella" e assicurandogli una equipotenzialità, e da ottimizzare il risparmio energetico usando tutti quegli accorgimenti che rendono possibile un uso più razionale dell'acqua, quali gli aeratori per i rubinetti, gli scarichi per WC a cacciata differenziata e/o a pressione e sistemi di recupero delle acque piovane.
Il consumo idrico può essere ridotto infatti di un ulteriore 50% recuperando l'acqua piovana per riutilizzarla per usi non alimentari, ovvero per gli scarichi dei WC, per il lavaggio delle automobili e per l'irrigazione del giardino, per il lavaggio dei panni.
Per quanto riguarda la produzione dell'acqua calda, l'ideale è avvalersi dei pannelli solari termici posti in copertura (o anche in corrispondenza di pareti e ringhiere dei balconi), o comunque di scaldabagni ad alta efficienza, di classe A come dovrebbero essere in genere tutti gli elettrodomestici presenti.
È necessario ridurre il più possibile la lunghezza delle tubazioni e isolarle per ridurre inutili dispersioni ed in ogni caso raggruppare i locali di servizio della casa (cucina, bagni, lavanderia) in un unico punto, in modo da prevedere un solo vano tecnico.
Quest'ultimo dovrebbe essere posizionato lontano da zone di sosta prolungata e isolato con materiali naturali per evitare ulteriormente dispersioni di calore ed inquinamento acustico provocato da vibrazioni meccaniche.

L'acqua calda necessaria nell'ambiente domestico può essere ottenuta impiegando una serie di pannelli solari termici, eventualmente integrati da una caldaia ad alta efficienza.

Tabella - Consumi idrici e impiego di acqua piovana. 

Questa tabella è puramente indicativa del consumo giornaliero medio di una famiglia di tre persone. Da essa è possibile ricavare una tabella "personalizzata" per ogni famiglia, sostituendo, nel caso non coincidessero, le diverse cifre relative all'uso abituale stimato ed ai componenti della vostra famiglia; moltiplicando questi valori tra loro e con il consumo stimato si ottiene il consumo proprio d'acqua giornaliero della famiglia in questione, suddiviso nelle diverse componenti dell'impianto.
Si può notare che le voci in rosso sono sopperibili con l'uso di acqua piovana recuperata, il che comporta un risparmio maggiore del 50%. 

Entra
Cerca
Calendario
«  Decembrie 2016  »
LnMrMrcJoiVnSaDm
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031
Amici del Sito
Roma House

Promovează şi Pagina ta reclama
Copyright MyCorp © 2016